LOADING...

Pro Loco Castrofilippo

Associazione di Promozione Turistica, Culturale, Sociale e Sportiva


Arcobaleno blog

» L’Arcobaleno blog » Edizioni de L’Arcobaleno
Condividi questa pagina su...
Seguici su...


Post più letti

Categorie



Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

Architettura
di Giovanni Rizzo, pubblicato il: 09/07/2016 in: , Letto: [901] volte

Esterno

Sacro CuoreLa chiesa ha una facciata molto semplice caratterizzata sul fronte principale dal portone di ingresso con relativa cornice che si impone sul basso basamento e dalla terna di monofore poste al livello superiore. Il tutto si conclude nella cuspide con timpano stilizzato aggettante. La torre campanaria si trova posta su via Nazario Sauro ed è sormontata dalla statua marmorea del Cuore di Gesù con le braccia protese nell’atto di abbracciare, con un gesto simbolico, l’intero paese di Castrofilippo e tutto il mondo. La statua è stata collocata con solenni festeggiamenti nel 1981.

Interno

Sacro CuoreLa piazza antistante la chiesa, un tempo denominata piazza Kennedy, è oggi intitolata a don Vincenzo Savatteri, fondatore della chiesa e personaggio di spicco della città di Castrofilippo vissuto a cavallo tra Ottocento e Novecento. Dal 1989 al centro della piazza si trova un monumento dedicato alla Vergine Addolorata, costituito da un alto piedistallo su cui si erge la statua bronzea della Madonna che ricalca l’antica effige venerata in paese. Il monumento è stato eretto per volontà dei coniugi Anna e Salvatore Augello in dono ai castrofilippesi in segno di devozione e venerazione. 

La chiesa ha un’aula liturgica di forma rettangolare ed è coperta con tetto a falde. Il presbiterio è separato dall’aula attraverso un gradino e delle paraste decorative aggettanti. Al centro del presbiterio si erge l’altare maggiore marmoreo, collocato in sostituzione del primordiale altare ligneo, su cui è posto entro una nicchia incorniciata da colonne marmoree, il gruppo scultoreo raffigurante il Sacro Cuore di Gesù dinnanzi a Santa Margherita Maria Alacoque, realizzato in cartapesta dall’artista leccese Aristide Malecore. le statue di ottima fattura e di grande impatto visivo per la raffinatezza dei dettagli e delle espressioni, è stato voluto dal fondatore della chiesa don Vincenzo Savatteri a fronte di una grande devozione che lo legava verso questo culto.

Sacro CuoreOggi si possono ammirare in tutto il loro splendore grazie all’ultimo restaurato effettuato per volere della signora Isabella Brutto in occasione del suo compleanno centenario. Accanto all’altare si trovano dei quadri devozionali. Sempre sul presbiterio ma nella porzione murale laterale, trovano posto a destra la piccola statua della “Madonna pellegrina” che come da tradizione nel mese di maggio viene portata in processione e visita le abitazioni dei castrofilippesi.

Sulla parete di fronte si trovano il Cristo Crocifisso e laSacro Cuore piccola statua della Vergine Addolorata. Una nota particolare merita la statua di San Pio da Pietrelcina, donata da castrofilippesi residenti negli U. S. A. ed a cui si tributa grande devozione da parte dei fedeli. Nelle pareti dell’aula si trovano quattro nicchie che ospitano altrettante statue. A destra troviamo nella prima nicchia la statua di San Vincenzo de’ Paoli in cartapesta artistica firmata dal già menzionato artista Malecore e recentemente ripitturata per opera dell’artista locale Graziana Agliata. Nella nicchia successiva si trova la superba statua della Madonna delle Grazie, anch’essa realizzata da Malecore nel 1920.

 

Sulla parete opposta si trova nella prima nicchia la statua lignea di Santa Rita da Cascia, acquistata per devozione con le offerte dei fedeli intorno agli anni Sessanta-Settanta del secolo scorso, la cui devozione è ancora molto sentita. Nella chiesa si conserva anche una reliquia della Santa che viene solennemente esposta alla venerazione dei fedeli annualmente nei giorni della festa. Nell’ultima nicchia dell’aula liturgica è posta la statua di S. Onofrio Re di Persia, analogamente a come avvenne per la statua di S. Rita anche questa è stata voluta dei fedeli a cui sono ancora molto legati.

Sacro Cuore
San Pio

 

L’interno semplice e luminoso, ha subito un rifacimento decorativo nel 2013 per interessamento del gruppo di preghiera “San Pio” e grazie ai generosi contributi offerti dai fedeli.

Post correlati

Storia della Chiesa

Don Vincenzo Savatteri