LOADING...

Pro Loco Castrofilippo

Associazione di Promozione Turistica, Culturale, Sociale e Sportiva




Condividi questa pagina su...
Seguici su...

Info Citta’

» Il Comune » Lo stemma comunale » Cenni storici » Feste e tradizioni » Portale storia » Bibliografia » Castrofilippo QUIZ » Numeri utili

Chiesa Madre

Chiesa Madre

Santuario di S.Antonio Abate

Santuario di S.Antonio Abate

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù




Il Comune di Castrofilippo

Il MunicipioCastrofilippo è un comune della provincia di Agrigento. Confina a Sud col territorio di Naro, ad Est con quello di Canicattì, a Nord con Racalmuto e ad Ovest con Favara. 
E' situato a 470 metri sul livello del mare e il suo territorio si estende per circa 18 kmq. 
Vi sono 2 Istituti bancari, 4 Chiese, 1 Farmacia, 1 Guardia Medica, la Caserma dei Carabinieri, l'Ufficio dei Vigili Urbani, diversi bar e qualche negozio. 
L’artigianato si è spostato verso il settore dell’edilizia (fabbri, falegnami, tc.). 
Conta circa 4.500 abitanti, ma dovrebbero essere molti di più. Infatti,  causa della emigrazione, migliaia di Castrofilippesi risiedono da decenni all’estero. 
La sua economia si è basata da sempre sulla produzione agricola e sugli allevamenti (principalmente ovini). Ma mentre prima le principali risorse agricole erano rappresentate da cereali, legumi e ortaggi (soprattutto pomodoro, aglio e cipolla), da un ventennio circa si è sviluppata la coltura della vite, anche se già essa era praticata da parecchi secoli. 
Anche se moltissime qualità di uva da tavola sono coltivate (regina, lacrima, cardinale, inzolia etc.) la più importante è l’uva Italia. 
La coltivazione di questo importante prodotto, che raggiunge i mercati di mezzo mondo, ha coinvolto non solo Castrofilippo ma anche altri centri vicini, generando una sorta di «febbre dell’uva ». Ma a Castrofilippo si coltivano anche ottime qualità di uva da vino (nerello, nerella, barbera, trebbiano e, in piccola quantità, anche zibibbo). 
In seguito a questa attività agricola si sono sviluppate numerose imprese satelliti (quali negozi di prodotti agricoli, di attrezzature, industrie per la meccanizzazione e per le ricerche idriche etc.). 
La manodopera, contrariamente ad epoche precedenti, è quasi tutta impegnata nel lavoro, specie nei periodi di più intensa attività di coltivazione. Anzi, spesso, si impiegano lavoranti di altri centri vicini. 



  Contenuto aggiornato il 07/04/2019