LOADING...

Pro Loco Castrofilippo

Associazione di Promozione Turistica, Culturale, Sociale e Sportiva


La Pro Loco

» Chi siamo » Dove siamo » Organigramma » il Logo » Tesseramento » Pubblicità e trasparenza » Statuto » Comunicati stampa » Contatti » Pro Loco gadget » Leggi l’Arcobaleno d’Italia
Condividi questa pagina su...
Seguici su...


Chiesa Madre

Chiesa Madre

Santuario di S.Antonio Abate

Santuario di S.Antonio Abate

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù



"La Duminica ti cuntu..."

Rubrica fotografica a cura di Pro Loco Castrofilippo, Servizio Civile Universale UNPLI

"I MULINI AD ACQUA DI CASTROFILIPPO"

Lo sapevi che...

Ubicati tra le campagne del Castellaccio, Azzalora e Pìcciola di Castrofilippo, si trovano i resti di quattro antichi mulini ad acqua risalenti al 1600, che rispecchiano la tipica forma del mulino ad acqua siciliano. La struttura muraria di questo tipo di mulino era formata dalla successione architettonica di un acquedotto, un bastione e la casa del mulino. I mulini ad acqua di Castrofilippo erano: il Mulino delle Rocche, detto anche Mulinu di Susu; il Mulino d’Immiezzu; il Mulino dell’Azzalora, detto Mulinu di Jusu; il Mulino di S.Antonino. Quest’ultimo era il meno adoperato perché si trovava in una posizione disagiata e spesso veniva travolto dalla potenza dell’acqua (è stato infatti ricostruito più volte). Dunque i mulini più importanti della zona, per la quantità di grano molita, erano solo i primi tre che si trovavano in un territorio la cui conformazione naturale permetteva un’ingente raccolta di acqua che alimentava il fiume Bigini in un tratto breve di poco più di un km. I mulini erano di proprietà dei Duchi di Castrofilippo i quali ottenevano il guadagno tenendo per loro un ottavo del macinato; la quinta parte di esso andava al Comune, che aveva il compito di curare la manutenzione tramite degli operai specializzati, noti come maestri dei corsi d’acqua.
Il più importante tra i tre mulini, che erano attivi tutto l’anno, era il Mulino d’Immiezzu in quanto era dotato di una macina più grande, che di conseguenza macinava una quantità di grano maggiore; tale mulino era inoltre gravato dal censo, pertanto annualmente destinava 500 onze per la manutenzione della Chiesa Madre.
I mulini ad acqua furono utilizzati fino agli anni Trenta del ‘900, quando fu costruito il più moderno mulino cittadino del Sacro Cuore di Gesù da parte di Don Vincenzo Savatteri.

Informazioni storiche tratte da C.Serravillo

 

Letto 148 volte


"I MULINI AD ACQUA DI CASTROFILIPPO", foto della settimana