LOADING...

Pro Loco Castrofilippo

Associazione di Promozione Turistica, Culturale, Sociale e Sportiva


La Pro Loco

» Chi siamo » Dove siamo » Organigramma » il Logo » Tesseramento » Pubblicità e trasparenza » Statuto » Comunicati stampa » Contatti » Pro Loco gadget » Leggi l’Arcobaleno d’Italia
Condividi questa pagina su...
Seguici su...


Chiesa Madre

Chiesa Madre

Santuario di S.Antonio Abate

Santuario di S.Antonio Abate

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù

Chiesa del Sacro Cuore di Gesù



"La Duminica ti cuntu..."

Rubrica fotografica a cura di Pro Loco Castrofilippo, Servizio Civile Universale UNPLI

"LI PANAREDDA"

Lo sapevi che...
I "panaredda" sono uno dei simboli più antichi, ma allo stesso tempo vivi, della tradizione pasquale, non solo a Castrofilippo, ma in tutto il Sud Italia. Si trattava, in origine, di cestini realizzati con un impasto di farina e acqua all'interno del quale si poneva un uovo sodo. Il nome deriva infatti dal siciliano "panaro", che indica il cesto di vimini presente nella tradizione contadina e adoperato per svariati usi. La nascita risale all'epoca in cui non erano ancora largamente diffuse le uova di cioccolato e quindi non tutte le famiglie potevano permettersene uno; pertanto, nel periodo che precedeva la Pasqua, le donne di casa preparavano con dedizione e cura questi cestini da regalare ai più piccoli che li attendevano con ansia. "Li panaredda" rappresentano, da una parte, la fine del digiuno del periodo quaresimale e, dall'altra, la resurrezione di Cristo, dato che l'uovo rimanda da sempre al significato della rinascita. Con il passare del tempo la tradizione ha subito delle variazioni e oggi, a Castrofilippo, "li panareddra" non sono soltanto i cestini di pasta di pane, ma le uova variamente decorate con un impasto di farina e acqua, colorato con carta velina, al quale si suole dare le forme più disparate, anche se solitamente la decorazione prende la forma di un fiore. Vengono realizzati in ogni famiglia, per essere esposti o regalati ad amici e parenti, utilizzando i modelli consueti o dando luogo a creazioni originali.
Si ringrazia la signora Antonia Inzalaco per le foto che ci ha gentilmente concesso.

Letto 117 volte


"LI PANAREDDA", foto della settimana